Regalami un sorriso… (compito n°6)

Beh, quando il prof ha scritto il primo post sul compito n° 6, sono andata a dare un’occhiata al blog di Elvira Berlingieri, che si occupa di diritto d’autore e proprietà intellettuale, tutela del software e diritto delle nuove tecnologie… mammamia!! ho pensato: chissà che barba, …ma insomma si deve andare…. Quando poi il prof ha cambiato il titolo del seminario in “I care” ho subito pensato al suo significato: “io ci sono, me ne assumo la responsabilità”, “voglio essere partecipe, voglio essere utile”…….ma che c’entra col seminario dell’Elvira?bf944429038beeff30ca61880c245c9f.jpg

E poi quel giorno nell’aula grande, quelle parole su Don Milani, un prete che insegnava agli altri come diventare dei veri esseri umani da un minuscolo paesino vicino a Vicchio, Barbiana….la sua “partecipazione empatica” (I care) nei confronti degli altri esseri umani. E poi parla Elvira e fa un sacco di discorsi su Medwiki, che è illegale condividere materiale didattico (criminali!)…e poi il colpo di scena, qualcuno le prende il microfono e inveisce contro questo modo assurdo di pensare (attimi di disappunto e panico: la Burchi interviene…..)

Ma ecco che entrano loro, i medici-clown, i Patch Adams di casa nostra, che danzano, suonano e scherzano: li riconosco, sono quelli di M’ILLUMINO D’IMMENSO: mio padre, che è medico al Meyer me ne aveva parlato. Sono un gruppo di studenti e medici che usano la cura del sorriso, la clownterapia: aiutano con il buonumore i piccoli pazienti e i loro familiari a vivere con serenità l’esperienza ospedaliera….e allora ho capito che lo spirito che li spinge sta tutto in questo darsi agli altri, nel mettere l’aspetto umano del rapporto col paziente alla stessa stregua dell’aspetto medico, e che anzi il medico saccente e distante (su un piedistallo) anche se competente non cura veramente l’individuo nella sua totalità. Sì, perchè il medico si deve porre con umanità, sensibilità, deve prendersi a cuore il paziente (I care), cominciando dai bambini, ma poi anche gli adulti, i vecchi….e sempre col sorriso, con la dolcezza, con la disponibilità, con la “partecipazione”.

La nostra marcia gioiosa in corteo dentro Careggi, lo stupore della gente,

….grande prof, ci ha regalato una bella lezione!!!!!

N° parole: anche questa volta ho superato il limite (255) ma lo accetti con un sorriso, prof……….

Regalami un sorriso… (compito n°6)ultima modifica: 2008-04-10T22:35:00+02:00da carolsmile
Reposta per primo quest’articolo